Procedimenti

Amministrazione Trasparente

Accertamento di compatibilità paesaggistica

Descrizione del procedimento

Ai sensi di quanto disposto dall’art. 181 – comma 1 – quater del D.Lgs 42/2004, il proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo dell’immobile o dell’area interessati da interventi realizzati in assenza o difformità dall’autorizzazione paesaggistica, che non abbiano determinato creazione di superfici utili o volumi ovvero aumento di quelli legittimamente realizzati, ovvero sui quali siano stati impiegati materiali in difformità dall’autorizzazione paesaggistica o, ancora, per lavori configurabili quali interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria ai sensi dell’articolo 3 del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 possono presentare apposita domanda all’autorità preposta alla gestione del vincolo ai fini dell’accertamento della compatibilità paesaggistica per gli interventi medesimi. L’autorità competente si pronuncia sulla domanda entro il termine perentorio di centottanta giorni, previo parere vincolante della soprintendenza da rendersi entro il termine perentorio di novanta giorni.
È comunque fatta salva l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 167 del D.Lgs. 42/2004 da parte dell’Ente preposto alla tutela del vincolo.

 

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda
L’autorizzazione paesaggistica è rilasciata al proprietario, o a chi ne abbia titolo, secondo i tempi e le modalità di cui all’articolo 146 del Decreto Legislativo 42/2004.
L’autorizzazione costituisce atto distinto e presupposto dei titoli legittimanti l’intervento edilizio; i lavori quindi non possono essere iniziati prima dell’acquisizione di tale provvedimento.Documenti da presentare
Alla domanda di autorizzazione, su apposita modulistica predisposta dal Comune, dovrà essere allegata, in quattro copie, la documentazione grafica allegata al progetto nonché quanto previsto dalla DGR 15 marzo 2006, n. 8/2121.Validità del provvedimento paesaggistico
la validità dell’autorizzazione paesaggistica, come disposto dall’art. 82 – comma 3 della LR 12/2005 è di anni cinque a far data dal rilascio della stessa.

Chi contattare

Termine di conclusione

L'autorità competente si pronuncia sulla domanda entro il termine perentorio di centottanta giorni, previo parere vincolante della soprintendenza da rendersi entro il termine perentorio di novanta giorni.

Costi per l’utenza

– Diritti di segreteria: €103,29 – 1 marca da bollo da €16,00

Riferimenti normativi

Deliberazione Giunta regionale 22 dicembre 2011 – n. IX/2727 – Criteri e procedure per l’esercizio delle funzioni amministrative in materia di beni paesaggistici in attuazione della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 – Contestuale revoca della d.g.r. 2121/2006

Art.46, DECRETO LEGISLATIVO 22 gennaio 2004, n. 42 – Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137.

LEGGE REGIONALE 11 marzo 2005 , n. 12 – Legge per il governo del territorio.

Scorciatoie